Speciale Expo2015 – SVIZZERA

Expo2015 - Svizzera

Expo2015 – Svizzera

La Svizzera riflette sulla scarsità delle risorse alimentari nel mondo mostrando la faccia del l’abbondanza col suo concept “Confooderatio Helvetica”.

Expo2015 - Svizzera

Expo2015 – Svizzera

Il suo Padiglione é costituito da quattro torri colme di prelibatezze locali, cioccolato, riso e latte, dalle quali i visitatori potranno servirsi fino ad “esaurimento scorte”.
Superare il limite di risorse disponibili significa privare gli altri visitatori delle stesse possibilità.

Expo2015 - Svizzera

Expo2015 – Svizzera

Grazie alla modularità della struttura, man mano che le torri si svuotano il livello delle piattaforme su cui poggiano si abbassa, permettendo di visualizzare il proprio comportamento in relazione ai consumi.
Il progetto é incentrato sulla disponibilità e sulla distribuzione delle risorse alimentari a livello mondiale e invita i visitatori a riflettere sul proprio comportamento di consumo.

Expo2015 - Svizzera

Expo2015 – Svizzera

Il Padiglione progettato dallo Studio Netwerch Gmbh Brugg coniuga elementi industriali come le torri, che richiamano il mondo della tecnologia e delle macchine, a elementi tradizionali come la terrazza in legno o il tetto a due spioventi, che ricordano i paesini svizzeri.

Expo2015 - Svizzera

Expo2015 – Svizzera

Attraverso una rampa si accede alla terrazza che ospita un cortile dove si ergono le torri e si trovano delle aree liberamente accessibili in cui poter visionare l’esposizione tematica con approfondimenti sui generi alimentari svizzeri.


Ricetta svizzera del giorno Quiche al gruyère

Svizzera - Quiche al gruyère

Svizzera – Quiche al gruyère

Le mini quiche al gruyère dop e mele sono delle piccole torte salate  ideali per un buffet, un brunch o un aperitivo. Il gusto saporito del formaggio di produzione svizzera si mescola al gusto dolce della mela e a quello più saporito della pancetta. Ne risulta un’equilibrata armonia di sapori.

Ingredienti x6
250 grammi di Farina 00
150 grammi di Burro
3 Uova
2 pizzichi di Sale
3 pizzichi di Pepe bianco
70 grammi di Gruviera grattugiato
150 grammi Mele Golden a cubetti
0.5 Cipolla rossa di Tropea tritata
150 grammi di Panna
1 pizzico di Noce moscata

1.Preparate la pasta brisèe mettendo tutti gli ingredienti necessari in un mixer e fatelo andare per qualche minuto fino ad ottenere una palla. Rovesciatela su un piano, impostatela per qualche secondo per formare un panetto, avvolgetelo nella pellicola e lasciatelo riposare in frigo per 30 minuti.
2.Fate saltare per qualche minuto in padella con il burro la cipolla tritata. Aggiungete poi la mela e la pancetta a cubetti e fate cuocere per 5 minuti.
3.Preparate la liaison sbattendo in una ciotola le uova con la panna regolando poi con sale, pepe e noce moscata.
4.Stendete la pasta brisèe con uno spessore di 3 millimetri. Foderate le teglie, riempitele con il ripieno, il formaggio grattugiato e coprite con la liaison.
5.Mettetele in forno a 200 gradi per 35/40 minuti fino a quando saranno colorite. Servitele calde o tiepide.

Quale lavello scelgo?

Uno degli elementi su cui ci si sofferma durante il progetto di una cucina é il lavello.
Scegliere il lavello non é così semplice come sembra perché oltre al materiale bisogna valutare anche la forma e il tipo di installazione.
Ecco una breve spiegazione delle diverse tipologie che spero vi possa aiutare nella scelta.

my project - lavello incasso

my project – lavello incasso

Incasso
É il lavello tradizionale che appoggia sul top della cucina con il bordo che sporge dal piano, prima di circa 1 centimetro e ora di qualche millimetro.
É il modello più usato perché si adatta a qualsiasi tipo di top, di qualunque materiale e di qualunque spessore.
Questo lavello é un classico senza tempo, con una varietà di linee estetiche che si abbinano a tutti gli stili di cucina.

my project - lavello semifilo

my project – lavello semifilo

Semifilo
É un lavello che ha sempre un incasso standard ma il bordo sporge solo 1 millimetro dal piano.
É un modello di lavello che vuole dare un’impronta più moderna alla vostra cucina utilizzando delle linee pulite e leggere.

my project – lavello filotop

Filotop
Ha una resa estetica sicuramente superiore rispetto ad un incasso standard in quanto é privo del bordo che sporge.
Il lavello viene inserito in un particolare foro ricavato nel top che lo tiene allo stesso livello del piano attorno.
Non avere la sporgenza del bordo é sicuramente pratico per le normali operazioni di pulizia però bisogna anche sapere che é normale crearsi un piccolo vuoto tra il top e il lavello dovuto alla dilatazione dell’acciaio in cui si potrebbe annidare lo sporco.
Proprio per ovviare questo problema é nato il lavello semifilo che ha la stessa estetica di quello a filo ma con un montaggio più semplice come quello standard.
Inoltre questo tipo di lavorazione a filotop può essere eseguita solo su materiali resistenti all’acqua e quindi esclude la scelta di top in laminato.

my project - lavello sottotop

my project – lavello sottotop

Sottotop
É il lavello il cui bordo scompare completamente alla vista in quanto viene fissato da sotto il piano.
É l’estetica che va per la maggiore nelle cucine moderne perché é estremamente elegante e minimale allo stesso tempo.
Viene montato solo su materiali solidi e idrorepellenti come hpl, pietra o agglomerati e l’assenza del bordo permette una miglior pulizia del piano.
Inoltre, se non piace l’acciaio, la vasca può essere realizzata in materiali compositi come fragrante o silgranit abbinando il colore a quello del top.

my project - lavello integrato

my project – lavello integrato

Integrato
Il top della cucina viene sagomato integrando ad esso la vasca del lavello.
Senza nessun punto di giunzione lavello e superficie si fondono creando un blocco unico e armonioso.
É il lavello più pratico a livello di pulizia perché non ha giunte in cui si può depositare lo sporco ma non può essere realizzato in tutti i materiali.
I più venduti sono quelli in Corian, hpl o acciaio ma si possono realizzare anche in pietra, agglomerato o Kerlite.
Materiali durevoli e di facile manutenzione che donano alla cucina un elegante impatto estetico.

Trasparenza tecnologica

my project - sedia Yoga - Bontempi

my project – sedia Yoga – Bontempi

Questa cucina é caratterizzata da un elegante gusto high-tech derivato dall’accostamento dell’acciaio degli elettrodomestici professionali al bianco dei mobili.
Per mantenere questo stile le abbiamo abbinato la sedia Yoga la cui struttura cromata e la seduta trasparente legano perfettamente all’ambiente circostante.

Speciale Expo2015 – REGNO UNITO

Expo2015 - Padiglione Regno Unito

Expo2015 – Padiglione Regno Unito

Un grande alveare puntellato di luci per sottolineare il ruolo unico che le api hanno nel nostro ecosistema e il loro esempio di società in equilibrio.
Questa l’ispirazione che ha portato l’artista inglese Wolfgang Buttress a realizzare il Padiglione del Regno Unito.

Expo2015 - Padiglione Regno Unito

Expo2015 – Padiglione Regno Unito

L’itinerario dei visitatori si snoderà attraverso un frutteto e un percorso di prati di fiori selvatici naturali, dal centro del quale si comincia a vedere la sfera.

Expo2015 - Padiglione Regno Unito

Expo2015 – Padiglione Regno Unito

Un’enorme sfera in reticolo d’acciaio dorato con led che si illuminano, pulsano e ronzano in base ai segnali provenienti da un alveare vero.

Expo2015 - Padiglione Regno Unito

Expo2015 – Padiglione Regno Unito

Al suo interno il visitatore intraprenderà un’esperienza sensoriale coinvolgente esplorando la vita di una colonia di api.
Unendo le conquiste scientifiche avvenute in campo agrotecnologico e in ingegneria agraria, il Paese vuole mostrare le innovazioni raggiunte in ogni anello della catena alimentare, dal seme al piatto, dal campo alla tavola, seguendo il concept “Coltivato in Gran Bretagna, condiviso globalmente”.
Un Padiglione che offre uno stimolante intrattenimento in cui natura, creatività, scienza e tecnologia si combinano per mostrare in contributo del Regno Unito nell’affrontare le sfide globali legate al cibo.


Ricetta inglese del giorno – Scones

Regno Unito - Scones

Regno Unito – Scones

Dolcetti fragranti ai fiocchi d’avena, un’idea molto semplice ma gustosa per una colazione, un brunch o un the in pieno stile anglosassone.

Ingredienti x4
125 grammi di Fiocchi d’avena integrali
125 grammi di Farina 00
70 grammi di Burro
50 grammi di Zucchero
50 millilitri di Latte intero
50 grammi di Uova sbattute
1 cucchiaino di Lievito
1 pizzico di Sale
0.5 bacello di Vaniglia

1.In un mixer tritate finemente i fiocchi d’avena e uniteli in una ciotola con la farina, il lievito, il sale, lo zucchero, i semi di vaniglia e il burro freddo tagliato a cubetti. Lavorate il tutto strofinandolo tra le punta delle dita fino ad ottenere una consistenza sabbiosa.
2.In una ciotola unite il latte all’uovo sbattendoli leggermente con una forchetta. Versate 70 millilitri del liquido ottenuto insieme alle farine. Lavorate il composto prima con la forchetta e poi impastando velocemente con le mani.
3.Stendete l’impatto per uno spessore di 3 centimetri e con dei coppa pasta dal diametro di 6 centimetri ricavate dei dischi.
4.Pennellate la superficie degli Scones con il composto di uova e latte avanzato e infornateli in forno statico già caldo a 180 gradi per circa 15 minuti, fino a che non saranno ben dorati.
5.Una volta sfornati lasciateli intiepidire, tagliateli a metà e farciteli con burro, confettura, frutta fresca e/o panna e gustateveli ancora tiepidi.

Speciale Expo2015 – MESSICO

Expo2015 - Padiglione Messico

Expo2015 – Padiglione Messico

L’architetto Francisco Lopez Guerra Almada ha ideato il Padiglione basandosi sull’alimento simbolo della tradizione culinarea messicana, il mais.
Non è un caso che il progetto nasca da questa ispirazione in quanto, oltre ad essere uno dei cereali più coltivati nelle zone dell’America Latina, il mais è visto anche come il cibo del futuro, perchè potrà essere coltivato più facilmente e con migliori risultati.

Expo2015 - Padiglione Messico

Expo2015 – Padiglione Messico

La grande copertura esterna dell’edificio si ispira alla forma della “totomoxtle”, la buccia della pannocchia, e sarà realizzata in fibra naturale semitrasparente per lasciare intravedere l’interno dove rampe elicoidali collegheranno tra loro l’esposizione dei prodotti tipici, l’orto botanico e il flusso d’acqua che da vita ai giardini.
L’esperienza nel Padiglione sarà un’immersione nella tipica atmosfera messicana caratterizzata da profumi, sapori, colori e suoni, il tutto contornato dal calore della sua gente.
Il Messico è una terra che, oltre alla coltivazione dei cereali, ospita una grande varietà di piante, animali ed ecosistemi legati ad una cultura gastronomica millenaria che nel 2010 ha portato la cucina messicana ad essere dichiarata Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità dell’Unesco.

Expo2015 - Padiglione Messico

Expo2015 – Padiglione Messico

Con questo percorso e con il tema “Messico, il seme per un mondo nuovo: cibo, diversità ed eredità” il Paese vuole mostrare ai visitatori la sua ricchezza in termini di risorse naturali e di biodiversità e il suo impegno a trovare soluzioni sul problema della malnutrizione.


Ricetta messicana del giornoBurritos de carne

Messico - Burritos de carne

Messico – Burrito de carne

I Burritos sono delle tortillas di farina di mais arrotolate all’interno delle quali ci saranno fagioli e carne preparati in casseruola alternati a avocado e formaggio.

Ingredienti x8
480 grammi di Fagioli rossi
1 chilo di Carne di maiale
1 Cipolla
1 Carota
4 spicchi di Aglio
1 presa di Cumino
1 presa di Coriandolo
300 grammi di Salsa di pomodoro
2 Avocado
120 grammi di Mozzarella
60 grammi di Carote a bastoncini
1 cucchiaio di Prezzemolo tritato
1 presa di Sale
12 Tortillas di mais

1. Preparate prima di tutto la crema di fagioli. In una casseruola unite i fagioli, la cipolla, la carota a pezzetti, aglio, sale, cumino e semi di coriandolo e carne. Aggiungete l’acqua fino a completa copertura ed a fuoco lento portate ad ebollizione. Coprite il tutto per circa 2 ore fino a che sarà ben cotto, ovvero fino a quando la carne sarà tenera.
2. Preparate quindi la salsa di pomodori freschi a pezzetti. Togliete la carne dalla casseruola e fatela dorare in forno per 30 minuti. Eliminate il grasso dalla carne, tagliatela in piccoli pezzi e mettetela nel sugo.
3. Scaldate intanto le tortillas. Versate un cuchciaio di fagioli nella tortilla e sistemate a strati la carne, gli avocado ed il formaggio precedentemente tagliati a dadini.
4. Per ottenere il burrito arrotolate la tortilla lasciando aperta la parte superiore. Decorate con le carote a fettine e ciuffi di prezzemolo.

Tavolo Ramos

tavolo Ramos - Bontempi

tavolo Ramos – Bontempi

La particolare struttura in acciaio, che può essere spazzolata o laccata, risalta grazie alla trasparenza del piano in vetro creando un perfetto contrasto.
Un tavolo dal design industriale ma con un’eleganza raffinata adatto in qualunque ambiente moderno.

L’assaggio del vino

refrigeratore Enomatic

refrigeratore Enomatic

I sistemi di degustazione Enomatic sono dei refrigeratori per la conservazione della temperatura del vino che permettono di servirlo al bicchiere attraverso il dispencer.
É pratico in casa perché permette di offrire ai vostri ospiti un vasto assortimento di vino mantenendo la qualità e i sapori anche dopo essere aperti da più tempo.
Ma é anche molto utile in un’enoteca pubblica perché permette di far assaggiare al cliente il vino prima di comprarlo.