Speciale Expo2015 – ESTONIA

Expo2015 - Estonia

Expo2015 – Estonia

Il Padiglione estone, denominato “Gallery of”, é uno spazio tra passato e futuro, dove il paesaggio e le tradizioni culturali estoni convivono con tecnologie all’avanguardia.
É stato progettato dallo studio Kadarik Tüür Arhitektid èd é un unione di elementi high-tech e low-tech che presentano l’Estonia come un piccolo paese giovane e dinamico in cui le antiche tradizioni e la natura incontaminata si fondono con l’innovazione tecnologica.

Expo2015 - Estonia

Expo2015 – Estonia

Il Padiglione è composto da tre piani di blocchi di legno accatastati uno sopra l’altro come scatole che costituiscono la galleria estone. Al suo interno si trovano molte altalene appese e, dondolandosi, i visitatori potranno trasformare attraverso queste oscillazioni l’energia cinetica in energia elettrica. Questo per far comprendere a ognuno di noi quanta energia sia necessaria per le semplici azioni di ogni giorno, come ricaricare un telefono o accendere la luce, con lo scopo di migliorarne l’utilizzo.

Expo2015 - Estonia

Expo2015 – Estonia

Al piano terra ci saranno un ristorante che proporrà street food e una galleria che offrirà ai visitatori la possibilità di scoprire le informazioni essenziali sul Paese.
Al primo piano sarà allestita una mostra sui settori estoni più importanti dove verranno esposti i risultati e i successi che vedono l’Estonia protagonista in diverse aree. Inoltre il visitatore potrà degustare bevande ispirati alla natura locale, come la birra di segale, la birra artigianale e i distillati tipici.
Al secondo piano si potrá vedere e conoscere parte della natura estone, dalle piante caratteristiche dei Paesi nordici agli uccelli e altri animali locali, osservandoli giorno per giorno attraverso telecamere nascoste.


Ricetta estone del giorno Kringel

Estonia -

Estonia – Kringel

Il Kringel é un particolare dolce lievitato tipico dell’Estonia chiamato anche treccia alla cannella ed é caratterizzato da una leggera croccantezza esterna che contrasta con la morbidezza interna.

Ingredienti
300 grammi di Farina 00
30+50 grammi di Burro
120 ml di Latte
1 Uovo
50 grammi di Zucchero
1 cucchiaio di Miele o zucchero
8 grammi di Lievito di birra fresco
2 cucchiai di Cannella
1 pizzico di Sale

1.In un bicchiere sciogliete il lievito di birra con il latte tiepido e un cucchiaio di zucchero o miele e lasciate riposare.
2.Nella ciotola della planetaria versate la farina, 30 grammi di burro, l’uovo e il composto di lievito precedentemente ottenuto e mescolate il tutto per qualche minuto fino a ottenere un impasto omogeneo. Coprite con la pellicola e lasciate lievitare fino a che il volume sarà raddoppiato.
3.Nel frattempo preparate il ripieno mescolando 50 grammi di burro ammorbidito con lo zucchero, la cannella e il sale.
4.Prendete l’impasto lievitato, stendetelo formando un rettangolo, spalmateci sopra il ripieno, tenendone da parte un pochino per la glassa, e arrotolatelo.
5.Ora iniziate a dare forma alla treccia. Tagliate a metá il rotolo nel senso della lunghezza lasciandolo attaccato in alto per qualche centimetro. Intrecciate tra loro le due parti e poi unite le estremitá ottenendo una corona.
6.Spennellate la superficie con la farcia rimanente e lasciate lievitare per mezz’ora.
7.Infornate la torta a 200 gradi per circa 20 minuti. Una volta sfornata la torta llasciatela raffreddare e prima di servirla spolverizzatela con lo zucchero a velo.

Porta rototraslante

porta Rototraslante - Garofoli

porta Rototraslante – Garofoli

Nata per risolvere le varie problematiche di spazio delle moderne abitazioni, la porta rototraslante ha un nuovo meccanismo che permette di aprirla in entrambi i sensi, riducendo così il raggio d’apertura.
In questo modo la porta non rappresenta più ingombro od ostacolo, ma rimane un elemento d’arredo più originale e funzionale.

Carlos

credenza Carlos - Renato Zamberlan for Horm

credenza Carlos – Renato Zamberlan for Horm

Carlos è una credenza ispirata alle opere di Carlos Cruz Diez, artista venezuelano tra i massimi esponenti dell’Optical Art .
Guardando la credenza si interagisce col mobile stesso, notando il cambiamento di colore al variare del punto visivo, percependo l’effetto di un sipario che si apre e si chiude.
Concetto alla base della filosofia dell’artista che permette allo spettatore di scegliere l’angolo da cui osservare l’opera e tutto cambia per una visione da più prospettive.

Speciale Expo2015 – BIELORUSSIA

Expo2015 - Bielorussia

Expo2015 – Bielorussia

La ruota di un mulino al centro del Padiglione come archetipo a testimonianza dell’attenzione del Paese sia allo sviluppo del settore agricolo che di quello idrico.
Con il tema “La ruota della vita” la Bielorussa vuole mostrare il suo dinamismo nel mantenimento della sicurezza alimentare e della qualità cristallina delle acque.

Expo2015 - Bielorussia

Expo2015 – Bielorussia

Attraverso un percorso con monitor interattivi, eventi scientifici e performance artistiche il visitatore potrà porre la sua attenzione sui differenti progetti a favore della conservazione della natura e della biodiversità, a dimostrazione delle peculiarità e della spinta verso il progresso della Bielorussia.
Proseguendo l’itinerario è possibile trovare uno spazio per il ristoro con l’assaggio dei prodotti tipici bielorussi e l’area per le esibizioni di gruppi musicali folk.
L’esposizione diventa così un organismo vivente e i visitatori divengono partecipi del costante movimento, del dinamismo vitale della natura.


Ricetta bielorussa del giorno – Draniki ai funghi

Bielorussia - Draniki ai funghi

Bielorussia – Draniki ai funghi

La patata é un alimento molto utilizzato in tutta la Bielorussia e uno dei piatti più famosi del Paese sono i Draniki, frittelle spesse ripiene di funghi, carne o pesce.

Ingredienti x4
12 Patate
2 Uova
2 cucchiai di Farina
1 pizzico di Sale
1 pizzico di Pepe
1 bottiglia di Olio per friggere
30 grammi di Funghi essiccati
1 cucchiaio di Lardo
2 Cipolle
1/4 di Brodo di funghi

1.Immergete i funghi essiccati in una pentola d’acqua fredda per 3-4 ore. Portate l’acqua a ebollizione per 1 ora, togliete i funghi e tagliateli in piccoli pezzettini.
2.Aggiungete ai funghi le cipolle fritte e il brodo e miscelate il tutto. Mettete da parte il ripieno e iniziate a preparare l’impatto per le frittelle.
3.Tagliate le patate crude a pezzi, bollitelo e schiacciatele in una ciotola. Aggiungete la farina, il sale, il pepe e miscelate.
4.Formate una frittella appoggiandola su una pentola calda, stendete sopra il ripieno e ricoprite con un altro strato di composto di patate.
5.Friggete le frittelle su entrambi i lati fino a doratura e poi continuate la cottura in forno.